cultura-slide

SCOPRI

I SEGRETI DI UNA

LEGGENDA.

CULTURA

Dobbiamo pensare a Woodstock come l’effetto generato da anni di controcultura.come la materializzazione di visioni coltivate da una generazione che, come mai prima nella storia, aveva varcato il confine tra la realtà e l’immaginazione, e non ultimo come l’aggregazione di alcune tra le migliori menti musicali che circolavano in quel momento nel mondo, e che parlavano il linguaggio alato della rivoluzione delle coscienze. Woodstock è come una foto di gruppo dell’energia esplosiva e liberatoria sperimentata da un’intera generazione.
(“Il tempo di Woodstock” Assante e Castaldo)

È importante sapere cosa ha significato Woodstock nel 1969 e i riflessi che ha avuto sulla nostra società, per questo a Rewoodstock sarà presente un ospite d’eccezione per spiegare l’importanza fondamentale che ebbe il festival sia nel mondo della musica che in quello sociale.

RENATO MARENGO

renato marengo


Nasce a Napoli il 5 febbraio 1943. Conduttore radiofonico, produttore discografico e giornalista italiano, lo si potrebbe definire un figlio d’arte: suo padre era prima viola presso l’orchestra del Teatro San Carlo di Napoli.

Inizia la sua attività di critico musicale scrivendo di musica classica per Il Loggione ed Il giornale della Musica.

Negli anni Settanta è produttore musicale di moltissimi protagonisti della scena partenopea, attività che abbandona agli inizi degli anni Ottanta per dedicarsi maggiormente al giornalismo, alla radio e alla TV.
Con Michael Pergolani è autore e conduttore della striscia quotidiana su Radio Rai Uno intitolata Demo, dedicata alla musica emergente ed indipendente italiana.

Sarà Renato Marengo ad accompagnarci nella storia e nella controversa società di Woodstock.

Giornalista e conduttore radiofonico, produttore discografico e ideatore e promotore negli anni ’70 del movimento musicale chiamato Napule’s Power.

Ha scritto per Ciao 2001, Sorrisi e Canzoni TV,
e Radiocorriere TV.
Ha ideato e conduce Classic Rock On Air, format radiofonico settimanale distribuito in oltre 100 radio italiane.

Ernesto-Assante
Ernesto Assante

Dall’agosto del 1969 Woodstock non è più il nome di una città, l’indicazione geografica di un luogo,

ma un’idea, un sogno, l’eldorado di ogni appassionato rock,

il posto mitico dove il sogno di un mondo diverso per soli tre giorni si è trasformato in una realtà.